Donazione per donne non italiane

APRILE 2016

ImmagineCondividiamo la “Guida per i rifugiati”, prontuario tascabile che serve a sostenere gli immigrati durante la permanenza sul territorio e offre informazioni chiare e complete su vari temi, corredate da disegni – simbolo per facilitare la lettura a coloro che hanno una bassa scolarizzazione. Sono state scelte 4 lingue, in base alla maggiore provenienza dei migranti. La guida è stata promossa dal Coordinamento Volontarinsieme, con la collaborazione di Caritas Tarvisina, Circolo Hilal, Associazione AUSER e ANOLF.

Guida per i rifugiati

 

 

 

OTTOBRE 2014

Segnaliamo un’importante Guida realizzata dall’Istituto Superiore di Sanità, “Accesso alle cure delle persone straniere: indicazioni operative”, strumento utile agli operatori socio-sanitari e agli operatori linguistico-culturali  per assicurare una risposta efficace al bisogno di tutela della salute della persona straniera.

 

 

MAGGIO 2013

invito-2

La donazione universale transculturale del sangue cordonale, il “Progetto Treviso” 
The donation of cord blood trans-cultural universal, the “Project Treviso”

Le don de sang de cordon universel trans-culturelle, le “Projet Treviso”

Promuovere la Salute significa costruire una politica pubblica per tutelarla, rafforzando lo sviluppo della comunità per favorire l’autosufficienza e la solidarietà sociale e per elaborare sistemi flessibili diretti al rafforzamento della partecipazione e della gestione diretta per quanto riguarda i problemi relativi alla salute. (…) La responsabilità per la promozione della salute all’interno dei servizi sanitari ricade ad un tempo sugli individui, sui gruppi comunitari, sugli operatori della sanità, sulle istituzioni del servizio sanitario e sui governi. Solo dalla loro collaborazione potrà nascere un sistema di assistenza capace di contribuire al conseguimento degli obiettivi di salute. Il settore sanitario dovrà agire in misura sempre maggiore in una prospettiva della promozione della salute, al di là della mera offerta di servizi clinici e curativi.   (Carta di Ottawa – 1986)
Promoting Health is to build a public policy to protect it, strengthening the development of the community to enhance self-help and social solidarity and to develop flexible systems for strengthening public participation and direct management with regard to health-related problems. (…) The responsibility for health promotion in health services falls at once on individuals, community groups, on health professionals, health service institutions and governments. Only by work together towards a health care system which contribute to the achievement of health goals. The health sector must move increasingly in a health promotion perspective, beyond the mere supply of clinical and curative services. (Ottawa Charter – 1986) 
Promotion de la santé est de construire une politique publique pour le protéger, renforcer le développement de la communauté afin d’améliorer l’entraide et la solidarité sociale et de développer des systèmes souples susceptibles de renforcer la participation du public et de la gestion directe à l’égard des problèmes liés à la santé. (…) La responsabilité de la promotion de la santé dans les services de santé relève à la fois sur les individus, les groupes communautaires, sur les professionnels de santé, les établissements de services de santé et les gouvernements. Seulement par travailler ensemble vers un système de soins de santé qui contribuent à la réalisation des objectifs de santé. Le secteur de la santé doit se déplacer de plus en plus dans une perspective de promotion de la santé, au-delà de la simple fourniture de services cliniques et curatifs. (Charte d’Ottawa – 1986)
Ad un anno dalla presentazione a Roma della campagna nazionale di comunicazione sulla donazione del sangue cordonale “Nati per donare”, patrocinata dal Ministero della Salute, con la collaborazione dell’Associazione Italiana Biblioteche grazie alla quale abbiamo potuto raggiungere   circa 1000 biblioteche, consultori e punti nascita del territorio nazionale con guide per i genitori italiani e stranieri  e altri materiali informativi, è ora possibile conoscere anche i primi risultati del progetto per coinvolgimento nella donazione delle donne immigrate. Raggiungere anche le donne immigrate che vivono nel nostro paese con il messaggio della donazione è l’obiettivo del “Progetto Treviso”: la loro donazione è di assoluta importanza per i loro connazionali colpiti da malattie curabili con il trapianto di cellule staminali cordonali e per incrementare nelle banche pubbliche unità con caratteristiche genetiche diverse.
Queste iniziative di comunicazione si inseriscono entro un quadro di linee strategiche lungo le quali ci si sta muovendo con gli altri soggetti e istituzioni per:
– implementare e razionalizzare la rete pubblica di raccolta del sangue cordonale;
– promuovere la donazione del sangue cordonale per uso solidaristico e contrastare la conservazione  autologa che non ha alcun fondamento scientifico.
– stimolare interventi dell’IBMDR e del Ministero della Salute sulle Regioni e sulle ASL per favorire le attività    di tipizzazione oltre che  l’armonizzazione e l’omogeneità delle procedure
– incentivare l’informazione ai genitori, secondo le normative ministeriali e le evidenze scientifiche, per non lasciarli alla libera interpretazione dei media e alla promozione pressante delle banche private,
– per dare una risposta ai bisogni  tutti i cittadini di efficienza, equità, rapporto umano e riconoscimento del diritto alla tutela della propria salute. Lo sforzo delle istituzioni non è solamente erogare le risorse economico-finanziarie ma anche, altrettanto importante, di facilitare lo sviluppo di conoscenze sempre più elevate, della cultura e dell’etica della qualità sia da parte di chi eroga i servizi sia da parte del cittadino che li riceve.
One year after the presentation in Rome of the national campaign communication on the donation of cord blood “Born to donate”, sponsored by the Ministry of Health, with the collaboration of the Italian Library through which we could reach about 1,000 libraries, clinics and points birth of the national territory with guides for parents Italians and foreigners and other information materials, it is now possible to know also the first results of the project for involvement in the donation of immigrant women
Reach immigrant women who live in our country with the message of the donation is the goal of the project Treviso: their donation is of the utmost importance for their compatriots affected by diseases treatable by transplantation of cord blood stem cells and increase in banks public units with different genetic characteristics.
These communication initiatives fit within a framework of strategic lines along which you are traveling with other individuals and institutions to:
• implement and rationalize the network of public cord blood collection;
• promote the donation of cord blood for use in solidarity and fight against autologous that has no scientific basis.
• stimulate action IBMDR and the Ministry of Health on Regions and Local Health promoting activities of typing as well as the harmonization and uniformity of procedures
• promoting information to parents, according to the regulations and ministerial scientific evidence, not to leave them open to interpretation of the media and the promotion of private banks urgent,
• to respond to the needs of all citizens of efficiency, equity, human relationship and recognition of the right to protection of their health. The effort of the institutions is not only delivering the economic and financial resources, but also, equally important, to facilitate the development of knowledge ever higher, culture and ethics of the quality both on the part of those providing the services either by the citizen who receives them.
Une anné après la présentation à Rome de la communication de la campagne nationale sur le don de sang de cordon “Born to don”, parrainé par le ministère de la Santé, avec la collaboration de la Bibliothèque italienne à travers laquelle nous pourrions atteindre environ 1.000 bibliothèques, des cliniques et des points naissance du territoire national avec des guides pour les parents italiens et étrangers et d’autres documents d’information, il est maintenant possible de connaître également les premiers résultats du projet pour leur implication dans le don des femmes immigrées.
Atteindre les femmes immigrantes qui vivent dans notre pays avec le message du don est l’objectif du «Projet Trévise”: leur don est de la plus haute importance pour leurs compatriotes touchés par des maladies traitables avec la transplantation de cellules souches de sang de cordon et d’augmenter unités dans les banques publiques avec des caractéristiques génétiques différentes.
Ces actions de communication s’inscrivent dans un cadre des lignes stratégiques le long de laquelle vous voyagez avec d’autres personnes et institutions à:
– Mettre en œuvre et à rationaliser le réseau de collecte de sang de cordon;
– Promouvoir le don de sang de cordon pour une utilisation dans la solidarité et la lutte contre autologue qui n’a aucun fondement scientifique.
– Stimuler IBMDR d’action et le ministère de la Santé sur les Régions et sanitaires locales favorisant les activités de taper ainsi que l’harmonisation et l’uniformité des procédures
– Promouvoir l’information aux parents, selon les règlements et les preuves scientifiques ministérielle, de ne pas les laisser ouvertes à l’interprétation des médias et de la promotion des banques privées urgentes,
– Pour répondre aux besoins de tous les citoyens de l’efficacité, l’équité, la relation humaine et la reconnaissance du droit à la protection de leur santé. L’effort des institutions n’est pas seulement fournir les ressources économiques et financières, mais aussi, tout aussi important, pour faciliter le développement des connaissances toujours plus haut, la culture et l’éthique de la qualité tant de la part de ceux qui fournissent les services, soit par le citoyen qui les reçoit.

 

Il Progetto Treviso realizzato dal  Tavolo  Tecnico composto  da ostetriche, volontari e medici, con la preziosa collaborazione di 187 donne provenienti da altri paesi è iniziato nel settembre 2012.
The project carried out by the Technical Board Treviso composed of midwives, doctors and volunteers, with thw collaboration of 187 women from the other countries began in September 2012.
Le projet mené par le Conseil de Trévise technique composé de sages-femmes, médecins et bénévoles, avec la collaboration de 187 femmes provenant d’autres pays ont commencé en Septembre 2012.

Immagine1

Grazie al loro contributo siamo stati in grado di elaborare materiali multilingue e identificare un percorso donazionale  in grado di favorire la comunicazione multi linguistica perché tutte le donne possano donare il sangue cordonale in modo informato e consapevole, come stanno facendo migliaia di donne italiane.
Thanks to their efforts we were able to develop multi-lingual materials and identify a path donazionale likely to promote communication multi language because all women can donate cord blood   in an informed and aware, as are making thousands of Italian women.
Merci à leurs efforts, nous avons pu de développer des matériaux multilingues et identifier un chemin donazionale susceptibles de promouvoir multi-langue de communication, car tous femmes peuvent faire un don de sang de cordon   dans un informés et conscients, comme le sont faisant des milliers de femmes italiennes.

Conosciamo i loro paesi di origine:   

We khow their countries of origin:

Nous connaissons leurs pays d’origine:

Immagine2paesi d'origine

 

Burkina Faso                             8 Slovacchia                              1
Moldavia                                  10 Romania                                 9
Polonia                                      2 Marocco                                44
Senegal                                     8 Tunisia                                    3
Togo                                          4 Macedonia                              3
Albania                                    25 Brasile                                    3
Bulgaria                                    1 Nigeria                                    9
Sri Lanka                                  4 Kosovo                                    9
Camerun                                   1 Cina                                         3
Costa D’Avorio                         6 Bosnia                                     2
Guinea                                      1 Bangladesh                            11
Gana                                         5 Ucraina                                    1
Filippine                                    1 India                                        1
Olanda                                      1                                      
Il 60% di loro vive in Veneto da oltre tre anni ed è informata sui Servizi Sanitari prestati dai Consultori territoriali, solo il 35% conosce la possibilità di donazione del sangue del cordone ombelicale e la grande maggioranza è consapevole che nella loro comunità ci sia bisogno di trasfusioni e trapianti.
60% of them live in Veneto for over three years and has informed Health Services provided by the Consultors territorial, only 35% know the possibility of donation of umbilical cord blood and the vast majority is aware that there is a need in their community transfusions and transplants.
60% d’entre eux vivent en Vénétie depuis plus de trois ans et a informé les services de santé fournis par les Consulteurs territoriales, seulement 35% connaissent la possibilité d’un don de sang de cordon ombilical et la grande majorité est consciente qu’il ya un besoin dans leur communauté transfusions et greffes.

grafico1grafico2grafico3

 

Il dato (35% ca) sulla  conoscenza della tematica  è stato confermato anche nell’ambito  del counselling ostetrico.

grafico4

Dal campione di 187 neomamme che hanno  partecipato al nostro percorso sperimentale,  è stato riscontrato che solo circa il 50% circa conosce l’italiano ed è in grado di rispondere in modo adeguato, per le altre donne la comunicazione è stata difficile e/o impossibile e a causa di questa criticità è stato necessario interrompere l’erogazione del counselling precludendo quindi il percorso della donazione. E’ purtroppo emerso che una parte importante risulta analfabeta e per questa criticità è necessario studiare altri strumenti di comunicazione per consentire a tutte le mamme di conoscere l’importanza della donazione solidale a beneficio di tutti i malati in particolare di coloro che provengono dai loro paesi di origine.

From the sample of 187 mothers who participated in our experimental program, it was found that only about 50% of the Italian knows and is able to respond in an appropriate way, for other women the communication was difficult and / or impossible and because of this difficulty, it was necessary to discontinue the counseling hence precluding the path of the donation.
Unfortunately found that an important part is illiterate, and for this it is necessary to study other critical communication tools to allow all moms to know the importance of solidarity donation for the benefit of all patients especially those who come from their countries of origin. 

Sur l’échantillon de 187 mères qui ont participé à notre programme expérimental, il a été constaté que seulement environ 50% de l’Italien sait et est capable de répondre de manière appropriée, pour d’autres femmes la communication était difficile et / ou impossible et à cause de cette difficulté, il a été nécessaire d’interrompre le conseil donc exclure le chemin du don.On a malheureusement trouvé qu’une importante partie est analphabète, et pour cela il est nécessaire d’étudier d’autres outils de communication essentiels pour permettre à toutes les mamans connaissent l’importance du don de solidarité pour le bénéfice de tous les patients en particulier ceux qui viennent de leur pays d’origine.

grafico5

Durante il percorso, le neomamme sono state informate anche sulla possibilità offerta dal Servizio Sanitario Nazionale della raccolta “dedicata” qualora in famiglia fosse presente una persona affetta da malattia curabile con il trapianto di cellule staminali emopoietiche e la mette in condizione di richiederla. In questo modo superiamo le disuguaglianze in salute, agevolando la possibilità di cura a tutti i cittadini.

Along the way, the mothers were informed on the possibility offered by the National Health Service of the collection “dedicated” when the family was a person suffering from this disease curable by transplantation of hematopoietic stem cells and puts it in a position to request it. In this way we overcome the inequalities in health, facilitating the ability to care for all citizens.

Sur le chemin, les mères ont été informés de la possibilité offerte par le Service National de Santé de la collection “dédié” lorsque la famille était une personne souffrant de cette maladie curable par la transplantation de cellules souches hématopoïétiques et le met dans une position pour le lui demander. De cette manière, nous arrivons à surmonter les inégalités en matière de santé, ce qui facilite la capacité de prendre soin de tous les citoyens.

mondo

Durante questa fase, venti mamme che rispondevano ai requisiti previsti per la donazione solidale, hanno donato il sangue cordonale alla nascita del loro bambino.
During this phase, twenty mothers who met the requirements for the donation of solidarity, have donated cord blood at the Birth
Durant cette phase, une vingtaine de mères qui satisfont aux exigences pour le don de la solidarité, ont fait don de sang de cordon à la naissance de leur enfant.

——————————————————————————————————————-

13 MARZO 2013 

Conferenza “La donazione universale transculturale del sangue cordonale”

Progetto Treviso – resoconto

2012_07 – Io e il mio bambino

28 APRILE 2013 – Avvenire

 

Care mamme che venite da altri Paesi e aspettate un bambino,
Vi proponiamo di donare il sangue del cordone ombelicale ad una banca pubblica del sangue cordonale, come stanno facendo migliaia di madri italiane.
La vostra donazione è molto importante per poter garantire una salvezza ai vostri connazionali affetti da gravi malattie che possono essere curate con il trapianto delle cellule staminali contenute nel sangue del cordone ombelicale.
Per fare questi trapianti è necessaria la compatibilità genetica tra donatore e ricevente, compatibilità che si può facilmente rintracciare in donatori provenienti dallo stesso paese di origine.
Ecco perché è importante creare delle “riserve” di cellule staminali conservate nelle banche pubbliche, a disposizione di tutti i malati.
In questa pagina troverete schede multilingue per approfondire le informazioni sulla donazione solidale e anche sulla “Raccolta dedicata”.
Abbiamo inoltre realizzato alcuni video vocali con testimonianze di donne di diversi paesi che hanno già donato il sangue cordonale.
Dear mothers who come from other countries and are expecting a baby,
We propose to donate umbilical cord blood to a public bank cord blood, as they are making thousands of Italian mothers.
Your donation is very important to ensure the salvation of your countrymen suffering from serious diseases that can be cured by transplantation of stem cells contained in umbilical cord blood.
To do these transplants is necessary genetic compatibility between donor and recipient compatibility that you can easily trace in donors from the same country of origin.
That’s why it is important to create “reserves” of stored stem cells in public banks, available to all patients.
On this page you will find cards for multilingual further information on the donation supportive and also on the “Collection dedicated.”
We have also made some videos with voice testimonies of women from different countries who have already donated cord blood.
Cher mères qui viennent d’autres pays et nous attendons un bébé, Nous vous proposons de faire don de sang de cordon ombilical à un sang de cordon banque publique, car ils font des milliers de mères italiennes. Votre don est très important pour assurer le salut de vos compatriotes souffrant de maladies graves qui peuvent être guéries par la transplantation de cellules souches contenues dans le sang du cordon ombilical.
Pour faire ces greffes est la compatibilité génétique nécessaire entre le donneur et la compatibilité du destinataire que vous pouvez facilement retracer les donneurs du même pays d’origine. C’est pourquoi il est important de créer des «réserves» de cellules souches stockées dans les banques publiques, à la disposition de tous les patients.


 

Per iniziare il percorso di donazione, tutte le mamme devono rispondere ai requisiti socio-sanitari previsti dai protocolli, per garantire la qualità delle donazioni che saranno poi trapiantate.
Vi invitiamo a leggere le schede multilingue, in particolare leggete con attenzione il punto 11, “Questionario di non idoneità alla donazione del sangue cordonale”, in cui sono indicati i requisiti per poter donare.
To begin the path of giving, all mothers must know the requirements of social and health services provided by the protocols, to ensure the quality of donations which will then be transplanted.
We invite you to read multilingual cards, in particular, read carefully point 11, “Questionnaire for non-suitability for donation of cord blood”, which indicates the requirements to donate.
Pour commencer le chemin du don, toutes les mères doivent répondre aux exigences des services sociaux et de santé offerts par les protocoles, afin d’assurer la qualité des dons qui seront ensuite transplantés.
Nous vous invitons à lire les cartes multilingue. Vous êtes admissible à un don si vous êtes libre de maladies transmissibles ou des facteurs énumérés au paragraphe 11 du Questionnaire de non-admissibilité au don de sang de cordon.

 

prontuario inglese

prontuario francese

prontuario spagnolo

prontuario albanese

prontuario rumeno

prontuario arabo

prontuario cinese

prontuario bangla

 

Il nostro Gruppo di Lavoro, formato da volontari, ostetriche e medici, con la supervisione del Comitato scientifico della Federazione Italiana ADOCES, sta lavorando molto per superare le barriere linguistiche e ridurre le disuguaglianze  in salute rispetto a tutti i cittadini.
Altri materiali multilingue saranno presto inseriti su questo portale. 
Our working group, made up of volunteers, midwives and doctors, under the supervision of the Scientific Committee of the Italian Federation ADOCES, is working hard to overcome language barriers and reduce inequalities in health compared to all citizens.
Other materials Multilingual will soon be placed on this portal.
Notre groupe de travail, composé de bénévoles, les sages-femmes et des médecins, sous la supervision du Comité Scientifique de la ADOCES Fédération italienne, travaille dur pour surmonter les barrières linguistiques et réduire les inégalités en matière de santé par rapport à tous les citoyens.
D’autres matériaux multilingues seront bientôt placés sur ce portail.

Alice V. Bandiera

Referente Programma sangue Cordonale

Federazione Italiana ADOCES

 

IL NOSTRO TAVOLO TECNICO E’ COMPOSTO DA:

Bandiera Vendramin Alice – Responsabile programma Sangue Cordonale  Fed. Italiana ADOCES

Mery Bottarel – Ostetrica Coordinatrice Dipartimento Materno Infantile di Treviso

Comin Monica – Ostetrica Referente  Distretto 1 (Treviso e Silea)

D’Orlando Agnese – Ostetrica Referente Distretto 4 (Oderzo e Motta di Livenza)

Giacomazzi Enrica – Ostetrica Referente Distretto 2 (Villorba)

Tolomio Sabrina – Ostetrica Stagista Tutor  banca SCO di Treviso

Toniato Patrizia – Ostetrica Referente Distretto 2 (Paese)

Raffaele Tortoriello – Referente Medico  Banca SCO di Treviso

Zanatta Giuseppina – Ostetrica Referente Distretto 3 (Mogliano)

con il contributo di Gerotto Ivana – Ostetrica Coordinatrice Territorio Az. ULSS7 Conegliano, Luisa Moz – Ostetrica Coordinatrice Dipartimento Materno Infantile di Vittorio Veneto, Armida Tonon – Ostetrica Coordinatrice Dipartimento Materno Infantile di Montebelluna.

Consulenza tecnico scientifica:

Comitato scientifico  Federazione Italiana ADOCES

Licinio Contu – Professione ordinario Genetica Medica Università di Cagliari, Presidente Fed. Italiana ADOCES

Alberto Bosi  – Prof. Ordinario Ematologia  Univ. Careggi Firenze e Past-President GITMO Gruppo Ital. Trapianto Midollo Osseo

Giuseppe Aprili-  Direttore Dipartimento Interaziendale Medicina Trasfusionale di Verona e Referente SIMTI

Alessandro Dal Canton – Direttore Dipartimento Interaziendale Medicina Trasfusionale Treviso

Giuseppe Dal Pozzo  -Direttore Dipartimento Ostetricia Ginecologia Azienda Ulss 9 Treviso

Fabio Benedetti – Responsabile U.O. Trapianto Midollo Osseo Azienda Ospedaliera Verona

Carlo Carcassi – Direttore Centro Riferimento Regionale Trapianti Cagliari

Carlo Gaudiano – Responsabile Prevenzione Anemia Mediterranea Regione Basilicata

Giorgio La Nasa  – Direttore Centro Trapianti Midollo Osseo Cagliari

Attilio Olivieri – Professore associato Università di Ancona e Responsabile Unità Trapianto CSE Ematologia Ospedale di Ancona

Giovanni Pizziolo – Direttore UO Ematologia Policlinico di Verona

Giuseppe Santeufemia – Direttore Dipartimento Ostetricia Ginecologia Iglesias

Alice Vendramin Bandiera – Vice Presidente Federazione Italiana ADOCES, Referente Programma SCO

Maria Vicario – Coordinatrice Corso di Laurea Ostetricia II° Università di Napoli

Consulenza per i testi:

Sergio De Angeli – Responsabile Banca Sangue Cordonale Azienda ULSS 9  Treviso

Roberta Destro – Responsabile Banca Sangue Cordonale Azienda Ospedaliera di  Padova

Andrea Frigato – Responsabile Servizio Trasfusionale Immunoematologia Az. ULSS9 Treviso

Chiara Messina – Responsabile U.O. Trapianto Cellule Staminali Emopoietiche Clinica Pediatrica di Padova

Collaborazioni e partenariati:

Prof. Giuseppe Marcon, Docente di Economia delle Aziende Pubbliche e non profit dell’Università Ca’ Foscari di VENEZIA, Adoces Regione Veneto, Centro di Aiuto alla Vita di Treviso, Coordinamento Volontarinsieme Provincia di Treviso CENTRO AIUTO ALLA VITA di TREVISO Conferenza Regionale Volontariato Regione del Veneto, MO.VI Movimento Volontariato Nazionale

Per qualunque notizia o richiesta di approfondimento scrivete una mail a: dmoric.tv@libero.it

La segreteria del nostro Tavolo Tecnico è aperta da lunedì a sabato dalle 9 alle 12.

Indirizzo mail: dmoric.tv@libero.it, telefono e fax 0422 405179

 

The secretariat of our Technical Board is open from Monday to Saturday from 9 to 12. Email Address: dmoric.tv @ libero.it, phone and fax 0422 405179

 

Le secrétariat de notre conseil technique est ouvert du lundi au samedi de 9 à 12. Adresse Email: dmoric.tv @ libero.it, téléphone et fax 0422 405179

———————————————————————————————————————

GENNAIO 2012

E’ importante che le donne non italiane residenti nel territorio nazionale vengano a conoscenza dell’importanza della donazione del sangue del cordone ombelicale e  chiedano di potervi aderire.

I pazienti provenienti da paesi esteri che necessitano di un trapianto, infatti, non trovano attualmente la disponibilità di una donazione: questo perché le caratteristiche genetiche fondamentali affinché vi sia “compatibilità” e possa essere assicurato buon esito del trapianto sono diverse in ogni popolazione. E’ noto inoltre che in molti paesi, in particolare in quelli in via di sviluppo,  non siano presenti né registri di donatori di cellule staminali midollari, né banche del sangue di cordone. E’ quindi importante l’inserimento di nuove donatrici: la loro donazione di sangue cordonale potrà essere utilizzata per trapianti ai malati loro connazionali, che potranno così trovare presso compatibilità.

La donazione di sangue, di cellule staminali emopoietiche midollari  e del sangue cordonale, a seguito del fenomeno dell’immigrazione, si è presentata con una nuova veste che sottende problematiche finora non considerate nel campo della salute. Il piano sangue attualmente in vigore detta le linee guida su cui basare un modello organizzativo-dipartimentale  di competenze integrate tra il Sistema Socio Sanitario regionale e le Associazioni dei donatori.
E’ in questo contesto che si è inserito in Veneto, nel 2006,  il nostro progetto per il coinvolgimento  delle donne non italiane, con l’obiettivo di incrementare le donazioni,  permettendo anche ai pazienti immigrati di poter trovare una donazione compatibile per il trapianto. Da qui la necessità di inserire nuove combinazioni rappresentate da popolazioni diverse che in questi anni si sono stabilite nella nostra Regione e in tutta Italia. L’iniziativa,  ha avuto il patrocinio e supporto della Regione del Veneto e della Federazione Nazionale Collegi delle Ostetriche (F.N.C.O.). L’Agenzia Regionale Socio Sanitaria ha  pubblicato un Focus su questo progetto.

Il Gruppo di Lavoro formato da ostetriche di diversi collegi del Veneto e da volontari ADoCeS ha studiato e realizzato i seguenti strumenti operativi, a supporto dell’attività dell’ostetrica e dei volontari che svolgono attività di sensibilizzazione:

1. un  prontuario multilingue per la donazione del sangue cordonale;

2. locandine  nelle varie lingue per attirare l’attenzione sulla donazione,  da affiggere presso i consultori e le sale di aspetto dell’Unità Operativa e presso il Centro di Aiuto alla Vita;

3. opuscoli informativi in lingua italiana che chiedono alla donna immigrata di donare il sangue cordonale.

Il Prontuario multilingue, volto a favorire la comunicazione bi-direzionale, è uno strumento semplice, di facile consultazione sia per l’ostetrica sia per la futura madre, che offre risposta alle domande più frequenti. E’ composto da:
1. una scheda di  informazione che permette alla gestante di acquisire in maniera semplice le conoscenze riguardanti la donazione;
2. un questionario di non idoneità alla donazione che riporta i principali criteri di esclusione permanente o temporanea: questo rende possibile una prima selezione delle possibili donatrici, evidenziando situazioni patologiche la cui presenza preclude la possibilità di continuare il percorso della donazione;
3. la scheda per il consenso informato: atto che attiene la persona assistita chiamata a decidere rispetto ad una proposta sanitaria e che comporta da parte dell’operatore l’informazione e la valutazione rispetto alla comprensione e consapevolezza della decisione che la stessa sta per prendere.

In particolare, è di strategica importanza che le donne non italiane conoscano la possibilità di chiedere  la donazione “dedicata” prevista dal Sistema sanitario Nazionale  nel caso di neonati affetti da una patologia al momento della nascita o evidenziata in epoca prenatale. La donazione “dedicata” è consentita anche  nel caso di famiglie a rischio di avere figli affetti da malattie genetiche per le quali risulti appropriato l’uso delle cellule staminali cordonali.

L’attività delle banche italiane è coordinata dal Centro Nazionale Sangue e  dal Centro Nazionale Trapianti.

A queste banche sono collegati oltre  305 centri di raccolta presso le  Unità Operative di Ostetricia dove viene prelevato il sangue cordonale  donato,  da personale ostetrico  competente.
Le banche registrano e inviano, tramite l’IBMDR di Genova,  i dati delle unità alla rete mondiale per la donazione di cellule staminali denominata Bone Marrow Donors Worldwide (BMDW).

A partire dal 2012 il progetto per il coinvolgimento nella donazione del sangue del cordone ombelicale per le mamme non italiane è stato attivato anche presso l’Ospedale Ca’ Foncello di Treviso e l’Ospedale di Oderzo, e nei distretti socio – sanitari dell’Azienda ULSS 9.

I Distretti e i Consultori interessati sono:

Distretto 1 Treviso e Silea

Distretto 2 Padernello, Paese e Villorba

Distretto 3 Mogliano, Preganziol, Roncade e Casale

Distretto 4 Oderzo, Motta di Livenza e Ponte di Piave

dove le referenti ostetriche individuate dalle rispettive Direzioni possono accogliere le mamme non italiane e informarle

1. sulla donazione solidale del sangue del cordone ombelicale

2. sulla raccolta “dedicata”, qualora in famiglia siano presenti malattie geneticamente curabili con il trapianto di cellule staminali cordonali, per poterne chiedere l’accantonamento e la crioconservazione.

L’Associazione ADMOR-ADOCES ha realizzato e messo a disposizione i materiali informativi e gli strumenti operativi, condivisi con il Gruppo di Lavoro, i Direttori Sanitari della Banca e con il Collegio Interprovinciale delle Ostetriche del Veneto, in lingua inglese, francese, spagnola, albanese, cinese, rumena, bangla, araba.

Il CENTRO DI AIUTO PER LA VITA di Treviso in collaborazione con l’Associazione, inoltre, promuove incontri periodici con le mamme in attesa di un figlio per informarle sulla donazione dedicata e solidale del sangue del cordone ombelicale.

Per informazioni:

Ass. ADMOR – ADOCES, tel. e fax 0422 4 –  e-mail: dmoric.tv@libero.it

 

 

Richiedi il prontuario multilingue

(Il Prontuario contiene le seguenti traduzioni: inglese, francese, spagnolo, rumeno, albanese, arabo, cinese)

 

Comments are closed.